Non tutte le streghe sono state bruciate

– mentre ormai questo paese è malato e molte donne non fanno niente per tirarsene fuori, non gridano ma restano invece piegate perché probabilmente è quello che sanno fare meglio o sicuramente è per loro la posizione più comoda –
è bello da sentire, appena tornata a casa dopo il concerto di Carmen Consoli.
Femmina. Carnale. Libera. Forte. Bella.
Sono così.

Annunci

12 pensieri su “Non tutte le streghe sono state bruciate

  1. però anche Carmen Consoli dopo un promettente inizio da rocker è tornata indietro ai più tranquillizzanti suoni della tradizione della sua regione, forse anche perchè avrà capito che non c’è nulla da fare, è troppa la corrente del fiume e a nuotare contro corrente rischi di affogare, tanto il fiume va sempre verso il mare.

    • I suoni della sua regione, della tradizione non sono poi così tranquillizzanti..
      Ieri sera ha espresso una forza non comune e il suo ultimo disco trasuda pathos e femminilità mai volgare, mai banale. Affascinante e sinuosa. Completamente in un’altra direzione rispetto allo scenario e alla rappresentazione dell’universo femminile di regime.

  2. ho paura che la rappresentazione dell’universo femminile in tal senso non sia solo di regime, ma della maggior parte della popolazione di questo maschilista paese, e di gran parte dei paesi del mondo.
    Il regime “solo” si nutre circuendo il pensar semplificato comune alla massa.
    Id est, se tutti alle ultime regionali hanno votato per un cosiddetto regime, mi sa tanto che ne condividono i valori.
    Non trovo che quella alla Carmen Consoli sia una forza incisiva al cambiamento, più che altro mi sembra un ripiegamento su sé stessi prendendo atto di come gira il mondo, cosa che purtroppo stiamo facendo tutti.

    • Condivido pienamente tutta la prima parte di quello che hai detto.
      Per quanto riguarda Carmen Consoli non credo che il suo “compito” sia quello di muovere un cambiamento. Fa buona musica, fa musica forte, è una buona autrice. E in quanto lei cantante e musicista, questo già basta. Molte altre donne, che come lei a mio avviso non ci stanno ad essere o angeli del focolare o oche svampite, quotidianamente si impegnano a sfuggire a questa rete di avvilimento della propria condizione. Lo fanno perché è nella loro indole. Non tutte – e meno male – chinano il capo perché così gira il mondo.

  3. in effetti non è un suo compito, mi pare dall’immagine di te che hai messo sul blog che tu sia giovane, io ho seguito Carmen fin dall’inizio, mi aveva dato l’idea di poter diventare una rocker che potesse criticare un certo sistema di vita e quindi dopo sono rimasto un po’ deluso, sotto il profilo musicale ovviamente, che come persona non la conosco e non potrei giudicare.

  4. Femmina. Carnale. Libera. Forte. Bella.
    Non so se sia possibile mantenere tutte queste caratteristiche in una donna, od almeno troverai parecchia gente che dirà che se sei forte non hai tutte le altre caratteristiche, e il controllo sociale sulla donna la farà diventare sola ad ammonimento per le altre.
    Anche se poi gli altri hanno sempre la capacità di criticare sempre e quindi non bisognerebbe badare a loro. Meglio soli che mal accompagnati?

    • E’ un impegno quotidiano coltivare e mantenere queste caratteristiche. E non si è soli. Basta guardarsi intorno – secondo me, per come vivo la mia vita – e riuscire immediatamente a percepire un’affinità di indole.

  5. “…e poi il rock non ha mai criticato proprio niente” m’è venuto in mente un album carino
    Queensryche – Revolution calling (album: operation mindcrime).
    Anche Vasco Rossi per me critica, eccome, solo che per capirlo bisogna aver vissuto una vita travagliata almeno per un minimo periodo della vita.
    Forse avete visto solo il rock su mtv? 😀
    ciao.

  6. mah…possiamo annoverare canzoni e canzoncine fino a quel dì, e con le parole si può dire di tutto ed il suo contrario
    io ne facevo una questione strutturale: una forma ritmica, monocorde, convenzionale, fortemente codificata, che è una straordinaria forma narrativa e comunitaria, ma non ha proprio un bel niente di critico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...