Kitsch & Middle-East

Il primo film portava con sé tutte le aspettative di scintillio della serie. Non ci fu scintillio, le aspettative vennero ampiamente deluse. L’ho guardato sorridendo e con rispetto, però: era pur sempre della mia serie preferita che stavamo parlando. In più confidavo nel fatto che l’esperimento sarebbe finito così, con l’amaro in bocca dettato dalla nostalgia e dalla visione di un film mediocre.
Il secondo non portava con sé aspettative di alcun genere, solo l’espressione un po’ imbarazzata di chi vede qualcuno che volutamente si rende ridicolo, unitamente alla magnanimità dettata dall’amore per i 94 episodi precedenti; quella magnanimità che ti fa dire “Diamogli una possibilità”, sebbene la storia non stia in piedi e tutti ne stiano parlando male.
Niente sesso, niente città. E già basta questo a decretare la fine di Sex and the City. Una volgarità mal celata e gratuita si insinua lungo tutto il corso del film che dura anche molto, troppo addirittura, (tanto da farmi guardare l’orario e accorgermi che siamo ancora a metà).
Carrie parla di scintillio, chiede scintillio, ma sullo schermo si proietta una fiera kitsch, di cattivo gusto in alcuni momenti. E per di più non si ride. Solo Samantha strappa qualche sorriso, ma una su quattro non è una buona media per chi è abituato a ben altri standard. Il Medioriente, che prende malamente il posto della city, è banalizzato e steriotipato. Una versione Orientalista, direbbe Said.
In Un’americana a Parigi parte prima, penultimo episodio della sesta serie, Carrie scivola a causa del pavimento bagnato e cade rovinosamente a terra da Dior. “Sono caduta, da Dior!” dirà al russo non appena tornata in albergo, dopo aver lavato l’onta con una carta di credito che non potrà più utilizzare. Mentre è impegnata a raccogliere il contenuto della sua borsetta, accovacciata e di fretta, una donna alta, dai lunghi capelli lisci la guarda con una espressione che è un misto tra disappunto ed imbarazzo per lei.
La sensazione che ho provato durante la visione del film è stata esattamente questa.

Annunci

4 pensieri su “Kitsch & Middle-East

    • Una versione estiva dei nostri cinepanettoni, pretenzioso, volgare e noioso..
      Ieri sera, come cura, ho rivisto due episodi della quarta serie: ho riso e mi sono dimenticata del film..

  1. Hai studiato Pasolini per la tesi, ebbene i personaggi di sex and the city non possono essere che questo, rappresentano il modello vacuo ed edonista dell’america, che sembra avere una scorza di tolleranza e di disincanto, ma che in realtà è solo un modello superficiale e “violento”, perchè non è capace nemmeno di immaginarsi l’altro da sè, perciò nel film ci sono rappresentazioni così stereotipate dell’oriente, è l’america che non riuscirà mai ad uscire dal cerchio “magico” e falso della city capitalista, se non a prezzo di rivolgimenti pesantissimi, Pasolini affermò che l’unico cambiamento in america sarebbe avvenuto solo attraverso una seconda guerra civile…
    Beh dopo tutte queste cose serie che ho detto, se hai qualche amica che detesta Sex and the City fammela conoscere, hehehehe… ciao

    • E dai Marco, la mia era una critica al film dettata dall’attaccamento che ho e che continuerò ad avere per la serie.
      Pasolini, che apprezzo e rispetto, e sai quanto, e che continuerò a leggere e a studiare, non rientra in questo discorso mediologico, se vuoi, e di fan soprattutto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...