La pecora nera

Senza infamia e senza lode il film di Ascanio Celestini.
E a me lui piace, per 4 minuti e mezzo, quando a telecamera fissa recita un monologo ed entrambi – lui ed io – sappiamo che di monologo si tratta.
Il film, invece, è a tratti superficiale, a tratti troppo lungo. E’ un continuo reiterare schemi e testi conosciuti con una vicenda troppo incentrata sul regista/protagonista.
Il cinema che si confonde – con scarsi risultati – con il teatro di parola.
Un altro film italiano che giustamente non ha meritato di vincere a Venezia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...