Union

Bibitoni di spremute arancia&limone e soprattutto un bel po’ di tachipirine, alla fine, fanno passare la febbre. Ti fanno tornare anche in discreta forma, giusto il tempo di renderti conto che mentre tu eri a letto a lamentarti e vedere tutto il vedibile in tv – ché solo quello riuscivi a fare – le cose da fare davvero sono rimaste lì ma il tempo è diminuito ed inesorabilmente uno stato d’ansia, che ha sintomi più subdoli di quelli della febbre, ti assale e un po’ ti ributta giù.
Allora come primo atto ufficiale del nuovo corso post influenza e come medicina che tutto allevia andiamo a vedere Bill Viola a Capodimonte ché pure era una cosa da fare da tempo. Come stare un po’ a mangiare/leggere/dormicchiare sul prato del parco sotto ad un sole che spunta, inaspettatamente tardi e caldo.
Al resto, con gli occhi pieni e le sinapsi attive, ci penseremo dopo.
Sei sale, sei video. Ogni volta che credi di aver visto l’immagine per intero qualcosa cambia e sfugge di nuovo. Quadri in movimento li chiama qualcuno, la vita dico io.
L’acqua sempre lei, con quel rumore forte ed assordante che fa quando investe i corpi, che trapassano, che trasfigurano o quando annienta e amalgama a terra corpi individuali che poi diventano massa.
I corpi sempre loro e i movimenti impercettibili che disegnano una costellazione precisa eppure naturale, fino al climax in cui ogni muscolo nessuno escluso è teso e segna il punto di inizio del percorso di ritorno.
Il nostro di ritorno, a piedi fino a casa, il sabato pomeriggio che è sempre il giorno più bello di questa città.

Annunci

2 pensieri su “Union

  1. Ho visto Bill Viola un paio di anni fa nella mia citta’!
    Ma se devo essere sincera l’arte moderna mi entusiasma raramente e anche lui… bo’… non l’ho capito mi sa!
    Un abbraccio.

    • Io l’ho visto due anni fa a Roma per la prima volta, conoscendolo già abbastanza e amandolo molto e l’esperienza “dal vivo” è stata incredibile.. Ieri a Capodimonte c’erano pochissime cose ma la sua è una maniera così profonda e scientifica di lavorare che riesce a catturarmi sempre. E’ catartico in una qualche maniera..
      *

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...