“Perché io sono il più bravo”

Va bene il citazionismo sfrenato senza il quale sarebbe stato difficile definire il radicalchicchismo, va bene la capacità di immaginare il futuro, va bene, è pur sempre un film di Moretti che fai, non lo vedi?
Ma senza voler fare del becero spoiler oppure una lista di sì, no, però, ho solo un paio di considerazioni di quelle che fai quando ti vergogni di prendere il cellulare in mano, illuminarlo nel buio della sala, per vedere quanto manca.
Il problema dei film di Nanni Moretti è Moretti, che deve sempre per forza fare la morale a tutto, guardare quasi in camera e fare la morale. E’ facile con certi presupposti sparare sulla chiesa e dire, per esempio, “no, non credo” davanti a cento cardinali. Sei Moretti, per di più interpreti uno psicoanalista, non ci vuole poi molto.
Il problema dei film di Nanni Moretti sono le aspettative. Nello specifico questo è ben fatto – è corale e veramente molto ironico in certi momenti – ma sarebbe bastato non forzare sempre tutto per strappare la risata rumorosa e sarebbe stato un film fatto bene alla Moretti sì, ma piacevole.
E invece no – sacrilega, come ti permetti! – Habemus Papam non è piacevole. Lo è fino ad un certo punto, poi stanca irreparabilmente; ad un inizio fortissimo corrisponde un seguito banale con qualche punta divertente che provoca reazioni più sulla fiducia che sull’effettiva ironia di quello che si sta vedendo.
E questo, insieme alle aspettative, è un altro problema dei film di Moretti: il pubblico. Fuori tra una sigaretta e due chiacchiere si notava immediatamente la devozione, sempre più disillusa dai tempi, di chi ancora una volta è in fila per vedere un film, sperando di poter uscire gridando al miracolo e un po’ più compiaciuto di essere dalla parte giusta.
Si ride e piace sempre e comunque perché è Moretti, perché è il film sul papa, sul potere e sulla paura del potere. E si ride fortissimo, mica in maniera sommessa. E allora l’illuminazione è arrivata tra l’ultima risata fatta e la mia noia che andava avanti da un po’: a parte il beneficio della garanzia della quale godono, i film di Moretti sono per noi il corrispettivo dei cinepanettoni. Una sicurezza.
Quanto a me, consapevolmente, ci casco sempre nella sua trappola ma questa volta quello che più mi resta è il pezzo di Mercedes Sosa e i cardinali che battono le mani. Forse perché c’avevo il ciclo e sono una romanticona, in fondo.
Per il resto mi piacerebbe leggere una critica di quelle non schierate né da un lato – genio! – né dall’altro – offensivo! – ma alla fine che vuoi fare “E’ una condanna essere il più bravo. Perché io sono il più bravo”. E questa è un’altra sicurezza spendibile, in maniera diversa, sia da una parte che dall’altra.

Annunci

7 pensieri su ““Perché io sono il più bravo”

  1. Io ho un certificato medico che attesta il fatto che la visione di un’opera di Nanni Moretti possa alterare il mio equilibrio psico-fisico.

  2. Io devo ancora vederlo.
    Confesso che non mi ispirava un granché e che mi è venuta voglia di vederlo dopo aver visto l’intervista di Moretti da Fazio (che non era per niente di parte… nooooo!!)
    Dopo averlo visto ti farò sapere come è andata 🙂
    Baci :-***

  3. Sai che a me non è dispiaciuto affatto?!
    L’ho trovato divertente e a tratti commovente e soprattutto per niente offensivo o dissacrante.
    Alcune scene corali erano davvero belle.
    Poi vabbé Moretti è sempre uguale a se stesso ultimamente nei suoi film (un po’ come Verdone) e qui diventa quasi una caricatura… però ripeto, non mi è dispiaciuto affatto 🙂

    • Infatti basta dire di voler fare un film sulla chiesa e subito si urla al sacrilegio. E diciamo che sarebbe stato fin troppo facile farlo e sparare sulla croce rossa ma Moretti non ha mai manifestato queste intenzioni..
      A me non è piaciuto perché probabilmente non mi piace come lavora lui – non tecnicamente, anzi, credo sia veramente molto bravo – non mi piace, invece, il suo “moralismo” sempre uguale, il modo in cui si mette sempre dalla parte di ciò che lui reputa giusto. Non mi piace che questo paese abbia sempre bisogno di un Moretti, non mi piace (più) il morettismo, molto banalmente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...