Due spritz per favore

C’è questa cosa delle aspettative – sono donna dalle molte aspettative, non potrei vivere senza – me la porto dietro sempre, qualsiasi cosa faccia o in qualsiasi posto vada. Ritorno a Venezia dopo due anni, è chiaro che avessi delle aspettative quasi quanto avessi paura di restare delusa: in due anni cambiano tante di quelle cose, sono cambiata io, figuriamoci una città che per quanto sia Serenissima è sempre lambita dalle correnti della sua laguna color petrolio e le correnti si sa mutano le forme delle rocce, figuriamoci l’aria di una città. E allora sono arrivata nella stessa casa di due anni fa e ho aperto subito la finestra che dà su quel canale e ho respirato forte e ho pensato “Ti prego, profuma, brilla e rispecchia i lampadari di vetro di Murano dei palazzi di fronte come due anni fa”. Sì, il profumo era lo stesso come il via vai di barche e motoscafi. “Va bene, possiamo andare verso i Giardini”.
Fare paragoni è sempre un gioco a perdere ma oltre che di aspettative io sono campionessa mondiale di paragoni e mi vengono naturali come spostare i capelli se sono in imbarazzo. La Biennale, anno domini 2011, è la Biennale del “fermi tutti, facciamolo un po’ meno bene magari non se ne accorgono”; è la Biennale dell’accumulazione per dire che c’è crisi, grossa crisi o dell’accumulazione perché c’è Sgarbi e allora l’Arsenale non basta andiamo in tutte le regioni d’Italia a dire che siamo il nuovo che avanza, con lo stuolo di persone sempre uguale però, che potresti coprire un tratto di strada che va da Roma a Napoli, mettendoli in fila uno dietro l’altro. Però la Biennale di quest’anno è anche la Germania e la sua chiesa laica con al posto dei santi e delle madonne i lavori di Fluxus, è il Giappone dei disegni onirici in padiglioni bui, è il Belgio che essendo ospite in Italia ha ben pensato di realizzare un romanzo d’appendice sui volti di Berlusconi e Pasolini, dipinti con colori pastello. La Biennale è soprattuto la Grecia, per quanto mi riguarda, che poteva buttare tutto in caciara sempre perché c’è crisi e lei lo sa un po’ meglio di noi e invece un solo segno di luce e l’acqua limpida sulla quale cammini ti riportano in pace con tutto il resto intorno.
Poi Venezia è sempre lei, fortunatamente la stessa di cui mi sono innamorata due anni fa. In certi campi il tempo è fermo e la pausa dura il momento di uno spritz che costa ancora poco mentre le interazioni sociali sono identiche alle nostre a testimonianza, e a dispetto di bandiere e camicie verdi, che la loro come la nostra è una città di mare e nelle città di mare può cambiare solo l’accento ma il resto è bene o male uguale.

Annunci

4 pensieri su “Due spritz per favore

    • Scusami, avevo dimenticato di rispondere al commento nell’altro post. Sono un po’ incasinata. Comunque: studi di genere con uno sguardo al Mediterraneo, grosso modo. Con Iain Chambers. In poche parole una tesi di femmine e di menare :p

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...